Parole tronche, piane, sdrucciole, bisdrucciole, trisdrucciole: l’importanza dell’accento tonico

Condividi il post e la buona comunicazione

La sillaba tonica (dal greco tonos, che significa “accento”) è la sillaba che contiene la vocale (dal latino vocare, emettere un suono con la voce) su cui cade l’accento di parola¹. Questo fatto linguistico è importante perché da esso dipende la classificazione delle parole in tronche, piane, sdrucciole, bisdrucciole, trisdrucciole. Dopo aver scomposto la parola in sillabe, si guarda su quale di esse cade l’accento tonico.

Se l’accento tonico cade sull’ultima sillaba, la parola è tronca.
Se l’accento cade sulla penultima sillaba, la parola è piana.
Se l’accento cade sulla terzultima sillaba, la parola è sdrucciola.
Se l’accento cade sulla quartultima sillaba, la parola è bisdrucciola.
Se l’accento cade sulla quintultima sillaba, la parola è trisdrucciola.

Se la sillaba accentata è…La parola è detta…Esempi
L’ultimatroncaveri, caf, giunge
La penultimapianatavoletta, tramonto, retino, pulito, palo
La terzultimasdrucciolafascino, psicologo, redini, esile, vivere
La quartultimabisdrucciolaportamelo, complicano, telefonami
La quintultimatrisdrucciola dimenticatelo, ordinaglielo

Le parole piane sono, nella nostra lingua, le più frequenti. Le parole tronche e le sdrucciole sono abbastanza numerose, più rare le bisdrucciole e le trisdrucciole.

Ti è piaciuto il mio post? Fammelo sapere nei commenti!! E se pensi che possa essere utile ad altre persone, invialo a loro e condividilo sui social: ti ringrazio!

Infine, se il blog ti piace e vuoi ricevere aggiornamenti sulla sua e mia attività e contenuti esclusivi, iscriviti alla newsletter. La tua e-mail non sarà intasata da comunicazioni superflue ma solo da contenuti di valore, interessanti e da curiosità sul mondo della lingua e della comunicazione.

trucioli di bisdrucciole e altre parole


¹Nella nostra lingua, l’accento è mobile (o libero). La sua posizione, cioè, è variabile e può cadere su qualunque sillaba. In altre lingue, invece, è fisso, non cambia mai. Nel francese, per esempio, l’accento cade sempre sull’ultima sillaba, nel polacco sulla penultima.

Macrolibrarsi

scriveregrammaticando

4 pensieri su “Parole tronche, piane, sdrucciole, bisdrucciole, trisdrucciole: l’importanza dell’accento tonico

    1. Lieta di esserti stata utile e grazie per essere passato dal mio blog! 😀
      Se ti interessa il ripasso di qualche altro argomento o hai qualche curiosità grammaticale, scrivilo pure qui nei commenti. I suggerimenti sono sempre molto graditi 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto
NewsletterIscriviti alla mia newsletter! Solo contenuti brillanti e in forma smagliante per te e il mio eBook sui 15 errori più frequenti di grammatica in regalo!

Periodicamente riceverai aggiornamenti, notizie, idee e curiosità sul mondo della grammatica e della comunicazione. Sali a bordo!