Il caffè della domenica: il solstizio d’inverno

Oggi, 22 dicembre, è il solstizio d’inverno, il giorno che chiude il periodo autunnale e dà inizio alla stagione fredda. È il giorno più corto dell’anno, con il numero più basso di ore e minuti di luce. Contrariamente a quanto tramandato dalla tradizione popolare¹, la notte più lunga non è il 13 dicembre ma il solstizio.

Da dove deriva la parola solstizio

Il termine solstizio deriva dal latino solstitium, una parola composta da sol, «Sole», e un derivato del verbo sistĕre, «fermare, fermarsi». Letteralmente significa sosta del Sole, perché sembra che il Sole si fermi nel cielo, sorgendo e tramontando nello stesso punto.

Dal punto di vista astronomico, è uno dei due momenti dell’anno in cui il Sole è più lontano dall’Equatore, raggiungendo il punto più a sud rispetto ad esso, trovandosi sopra al Tropico del Capricorno. Di conseguenza, il Sole è alla sua massima distanza dal Polo Nord² e l’emisfero settentrionale riceve il minor irraggiamento.

Il solstizio e il sistema tolemaico

Paesaggio di montagna avvolto dalla luce tenue del solstizio invernaleUna piccola nota poetica. Il sistema tolemaico (o geocentrico) postulava che tutto il firmamento, le Stelle, il Sole (che era considerato un pianeta come la Luna), la Luna e tutti gli altri Corpi Celesti fossero portati intorno alla Terra da una sfera cristallina, che si muoveva di moto uniforme.

La volta celeste avvolgeva la Terra, quasi a proteggerla. Il solstizio era il momento in cui il Sole si fermava. Mi piace pensare che si fermasse come per assicurarsi che tutto, sulla Terra, fosse a posto.

Un’immagine che ho ripreso anche in un altro mio post, dedicato al Calendario dell’Avvento: lo puoi leggere qui.


¹ questo errore dipende dal fatto che nel calendario giuliano (il calendario ufficiale di Roma e dei suoi domini, dopo che Giulio Cesare lo ebbe adottato) il giorno del solstizio d’inverno cadeva effettivamente il 13 dicembre. Con il riordino del sistema, voluto da papa Gregorio XIII nel Cinquecento, il giorno del solstizio si spostò a quello che è attualmente.

² il nostro emisfero riceve la quantità minore di irradiazione solare, sia quanto a luce sia quanto a energia.

scriveregrammaticando

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto