Come si scrive e si dice: obiettivo oppure obbiettivo?

 

Un dubbio che spesso ci si pone è: si dice e si scrive obiettivo, con una b sola, oppure obbiettivo, con la b doppia? Ebbene, entrambe le forme sono possibili, anche se obiettivo è, di gran lunga, la più usata delle due. Vediamo perché.

 

Obiettivo deriva dal latino obiectivum

La parola obiettivo, intesa sia come sostantivo che come aggettivo, deriva dal latino obiectivum, ovvero «cosa posta davanti». Ecco perché obiettivo, come sostantivo, significa «oggetto a cui si mira, scopo, fine (di una determinata strategia o tattica)» e, per estensione, «la meta», anche ideale, delle nostre azioni, mentre come aggettivo ha il significato di «proprietà che riguarda, che appartiene all’oggetto in sé stesso» e non in relazione a chi lo guarda o lo pensa.

Obiettivo, quindi, è la forma colta del termine, aderente all’etimologia, alla provenienza dal latino della parola. È la forma consigliata nell’uso e la più diffusa.

«Si è troppo ripetuto, e con troppa leggerezza, che nell’indole della nostra gente predomini l’intelletto più che il sentimento e la volontà, cioè la parte obiettiva più che la subiettiva dello spirito, donde il carattere dell’arte nostra più intellettualistica che sentimentale, più esteriore che interiore», scriveva Pirandello nel suo saggio sull’umorismo.

Obbiettivo variante del parlato comune

Obiettivo oppure obbiettivoNon mancano esempi illustri dell’uso della forma obbiettivo: «L’obbiettivo della sua poesia non è la cosa, ma l’immagine, il modo di rappresentarla», scrive Francesco De Sanctis nella sua Storia della letteratura italiana del 1954, nella sua analisi del mondo poetico e dell’arte letteraria del Petrarca.

Si tratta, tuttavia, di una variante nata dal raddoppiamento della b davanti alla i con valore di semiconsonante. La grammatica italiana Treccani del 2012 lo dice chiaramente: è una forma popolare.

 

In conclusione

La forma più corrispondente all’etimologia e più usata nell’italiano moderno (e colto) è sicuramente obiettivo con una sola b ed è, quindi, di principio, da preferire. Non è, tuttavia, sbagliato dire e scrivere obbiettivo, con due b.

Condividi il post e la buona comunicazione

scriveregrammaticando

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto
NewsletterIscriviti alla mia newsletter! Solo contenuti brillanti e in forma smagliante per te e il mio eBook sui 15 errori più frequenti di grammatica in regalo!

Periodicamente riceverai aggiornamenti, notizie, idee e curiosità sul mondo della grammatica e della comunicazione. Sali a bordo!