Link interni e link esterni al blog (cosa sono e perché sono importanti)

Il tema del glossario di oggi è molto importante per chi vuole aprire un blog e deve essere ben afferrato. Cominciamo, perciò, dalle basi di quest’argomento tanto fondamentale. Che cos’è un link?

Il link, un termine che si è diffuso come abbreviazione di hyperlink, è un collegamento ipertestuale inserito in un documento, che rinvia a un’altra posizione e che viene attivato facendo clic su una parola o su un’immagine evidenziate.

L’hyperlink può collegare due sezioni di uno stesso documento, per esempio, di un post, oppure due differenti documenti. In quest’ultimo caso, di solito collega due pagine web, facendo spostare il visitatore dalla pagina web che sta consultando e al cui interno è inserito il link a un’altra pagina, la pagina di destinazione o di arrivo cui fa riferimento il link stesso. L’hyperlink è un rimando unidirezionale: porta da un punto a un altro ma non viceversa.

Nel post di oggi vediamo cosa sono i link interni ed esterni e perché sono tanto importanti

Tutto chiaro fino a qui? Vediamo ora di che tipo possono essere gli hyperlink – o, più brevemente, i link – e perché sono utili al blog. I link possono essere interni al blog oppure esterni ad esso.
Un link interno collega due post del tuo blog l’uno all’altro, oppure due pagine tra loro, oppure un post e una pagina (pensa, per esempio, se in un post rinvii alla pagina contatti). Puoi anche dalle pagine del menù rimandare a specifici post contenuti nel blog. I link interni possono inoltre collegare, in uno stesso post, parti del post stesso. Il caso tipico è un articolo molto lungo suddiviso in diversi paragrafi o sezioni con titolo che all’inizio ne riporti l’indice. Ad ogni voce dell’indice puoi associare un link che rimandi direttamente alla relativa parte del testo.
I link esterni sono, invece, di due tipi: i link che portano a risorse che non fanno parte del dominio del tuo blog e che partono da esso (outbound link) e i link che portano al tuo blog e che provengono da altri blog o siti che non sono il tuo (i backlink).  

A che cosa servono i link interni ed esterni? Entrambi hanno l’importantissimo ruolo di contribuire  a determinare il modo in cui i motori di ricerca e i visitatori percepiscono il tuo blog e i tuoi contenuti.

I link interni, in particolare:
– permettono ai visitatori del tuo blog di approfondire il tema per il quale cercano informazioni, andando a leggere altri articoli che trattano alcuni suoi aspetti specifici o lo stesso tema da un punto di vista differente (qui su Scrivere grammaticando capita spesso, per esempio è successo col participio passato del verbo splendere, trattato da due angolazioni diverse, una estesa e una più breve, e anche sul mio Storie in punta di righe, dove ho più volte trattato il tema delle lettere alla sposa e, prossimamente, lo stesso farò per i temi della scrittura creativa). I link interni rendono agevole la navigazione all’interno del tuo blog: il lettore non ha bisogno di usare la funzione “cerca nel blog” perché lo hai già aiutato in tal senso, indirizzandolo agli approfondimenti. I link interni contribuiscono a quella che viene chiamata l’usabilità, ovvero alla capacità del blog di essere consultato e utilizzato con facilità e con piacere. In inglese è chiamata User Experience (UX): è l’esperienza che l’utente fa del tuo blog, è ciò che prova sfogliandone le sue pagine, leggendo i tuoi post, guardandone le immagini (e la grafica). Tanto più è utile, interessante, gradevole e soddisfacente, tanto più la UX è alta.  
Il lettore che si trovi a navigare in un blog ben curato e pieno di contenuti validi sarà curioso di leggere altri post e lo percepirà chiaramente per com’è: un blog completo, in dialogo col suo lettore, affidabile e autorevole.
– contribuiscono a consolidare l’architettura del tuo blog (la sua struttura gerarchica), soprattutto se puntano ad articoli un poco trascurati perché presenti in categorie piccole (ma non meno importanti) e poco frequentate.
aiutano gli spider dei motori di ricerca a trovare le singole pagine e a indicizzare il blog: sono quindi elementi molto importanti nella costruzione della strategia SEO on page.

I link esterni contribuiscono a rendere i tuoi contenuti autorevoli e rilevanti. Inserire nei tuoi post dei link in uscita (outbound link) verso siti ad alta autorità equivale a citare una fonte accreditata e competente a sostegno delle tue argomentazioni o per sottolineare l’accuratezza, la precisione e la fondatezza delle informazioni che hai inserito nel testo. In breve, citi una fonte autorevole perché ciò che hai scritto è altrettanto autorevole.
Lo stesso accade se un link a un tuo post (backlink) viene inserito nel post di un blog riconosciuto come autorevole per il tuo settore di attività, per la tua professione o per la tua nicchia di lettori di riferimento: equivale a dire che il link porta a un sito qualificato e raccomandato per la sua bontà e competenza.
Il motore di ricerca giudicherà positivamente sia la presenza di outbound link che di backlink, perché il messaggio che lanciano è lo stesso: il tuo blog è autorevole, è una fonte di informazioni di elevata qualità e di contenuti creati ben fatti e utili. E, se il tuo blog è autorevole, lo sei anche tu.

Scrivere grammaticando

Appassionata, da sempre, di grammatica, con una romantica preferenza per la linguistica, mi occupo di scrittura, di revisione di testi e di progettazione di piani editoriali. Blogger da tempo immemore, curo i miei siti personalmente con molto amore e tanta passione. Ho fatto mia la frase di Wislawa Szymborska: «Tutto a questo mondo si distrugge per il continuo uso, tranne le regole di grammatica».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto