Che cosa studia la morfologia

Condividi il post e la buona comunicazione

La morfologia è quella parte della grammatica che ha per oggetto di studio le parole e le regole che ne governano la formazione.

La morfologia si occupa, infatti, della classificazione delle parole. Già Platone e Aristotele, nell’antichità, avevano dato vita a studi il cui scopo era di arrivare a definire quali fossero le categorie di parole, chiamate partes orationis o parti del discorso, ovvero di inquadrare e meglio comprendere la natura dei tipi di parole che avevano a disposizione e usavano per costruire i discorsi (dalla frase sino ai testi più lunghi ed elaborati). Oggi la morfologia distingue 9 classi di parole o categorie lessicali, a seconda delle loro caratteristiche di forma, significato e funzione all’interno della frase:
1) i nomi (detti anche sostantivi),
2) gli articoli,
3) gli aggettivi,
4) i pronomi,
5) i verbi,
6) le congiunzioni,
7) le preposizioni,
8) gli avverbi,
9) le interiezioni.
Da questo tipo di studi è nata l’analisi grammaticale, che facciamo tutt’ora a scuola e che consiste, per l’appunto, nell’esercizio del riconoscimento delle varie categorie cui le parole di una frase appartengono.


La seconda area d’interesse della morfologia si concentra sulla struttura interna delle parole. Studia le norme e i meccanismi che ne regolano la formazione ovvero il modo in cui gli elementi minimi dotati di significato (i morfemi1) si combinano tra loro per produrre le parole di una lingua a disposizione dei parlanti. I processi più comuni di formazione delle parole sono la derivazione, la composizione e la flessione.

La morfologia, quindi, oltre a occuparsi della classificazione delle parole, indaga i processi che intervengono nella loro composizione e nella loro trasformazione.


1Il morfema è l’unità di analisi fondamentale della morfologia. Lo possiamo definire come la più piccola unità grammaticale provvista di significato autonomo e non ulteriormente suddivisibile.

Macrolibrarsi

Scrivere grammaticando

Appassionata, da sempre, di grammatica, con una romantica preferenza per la linguistica, mi occupo di scrittura, di revisione di testi e di progettazione di piani editoriali. Blogger da tempo immemore, curo i miei siti personalmente con molto amore e tanta passione. Ho fatto mia la frase di Wislawa Szymborska: «Tutto a questo mondo si distrugge per il continuo uso, tranne le regole di grammatica».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto
NewsletterIscriviti alla mia newsletter! Solo contenuti brillanti e in forma smagliante per te, ogni settimana (o quasi :-D)

Periodicamente riceverai aggiornamenti, notizie, idee e curiosità sul mondo della grammatica, della comunicazione e della scrittura. Sali a bordo! Ti aspetto.