Il congiuntivo è davvero in crisi?

Il congiuntivo è il modo verbale più bistrattato. Ritenuto inutile e ingombrante nel parlato e nei testi informali, viene spessissimo sostituito dall’indicativo. Qualcuno propone di abolirlo, in virtù del principio che, se un cambiamento linguistico avviene per opera della società, sarà senz’altro buono e...

    Le congiunzioni subordinanti: quali sono?

    Abbiamo visto che le congiunzioni si classificano in base al criterio della forma e in base al criterio della funzione che svolgono nella frase. Secondo quest’ultimo criterio, si dividono in congiunzioni coordinanti (o coordinative) e congiunzioni subordinanti (o subordinative). Le congiunzioni subordinanti ci permettono...

      Le congiunzioni coordinanti (o coordinative): una classificazione

      Le congiunzioni sono una delle parti invariabili del discorso e servono a creare un legame tra due o più parole o frasi. Come abbiamo visto, si possono classificare in base ai criteri della forma e della funzione. In questo e nel prossimo post ci...

        I tipi di congiunzione in base alla forma

        Le congiunzioni sono termini che servono a legare insieme o delle parole (come aggettivi, nomi e avverbi) che hanno la stessa funzione oppure delle frasi. In questo secondo caso, se volete essere più precisi, le congiunzioni servono a collegare due o più frasi dette...

          Le figure retoriche: la metafora e la similitudine e la loro differenza

          Le figure retoriche sono modi di esprimersi con le parole che sovente restituiscono un significato diverso da quello letterale. Sono, per dirla in altra maniera, il frutto di un uso non convenzionale della lingua. Questo spostamento, questa trasformazione, di significato delle parole si può...

            Cioè: a proposito di congiunzioni testuali

            Cioè è un avverbio o una congiunzione di grammatica? La risposta è che non è nessuna delle due. Cioè è una congiunzione testuale. Si è formata attraverso la condensazione in una sola parola dell’espressione “ho detto questo e tutto ciò che ho appena detto...

              Lo iato

              Lo iato è la vicinanza di due vocali che restano disgiunte, che cioè mantengono ciascuna il valore di nucleo e formano perciò due silla­be diverse e distinte. Le vocali che formano lo iato si dicono eterosillabiche. Si pronunciano separatamente, con due emissioni di voce,...

                Che cos’è un dittongo?

                Che cos’è un dittongo? Da quali fonemi è formato? Quando è ascendente e quando discendente? Scopriamolo nel post di oggi. Il dittongo è l’unione di due suoni formata da due vocali, delle quali una è una i o una u, che si susseguono e...

                  La sillaba: che cos’è?

                  Ogni parola è costituita e formata da un susseguirsi di unità minime, ovvero di vocali, consonanti e semiconsonanti, che si alternano e si combinano, legandosi tra loro, in un certo modo. I fonemi, infatti, non restano isolati l’uno dall’altro né si dispongono a caso...

                    Cosa si intende per verbi difettivi: una definizione ed esempi

                    Ci sono, nella nostra lingua, dei verbi che mancano di alcune forme: sono i verbi difettivi. Di solito, i verbi possiedono una coniugazione completa, quanto a modi, tempi e persone. I verbi difettivi, invece, hanno il paradigma incompleto. Difettano, cioè sono privi, di alcuni...